Chi Siamo

Noi

Siamo un gruppo d’intellettuali (sociologi, giornalisti, psicologi, pedagogisti, economisti, ecc.) che attraverso il sito sociologiaonweb.it ci prefiggiamo di avviare un dibattito sui principali temi del momento. Quotidianamente siamo bombardati da milioni di messaggi che ci trasformano in soggetti passivi di un sistema di comunicazione monopolizzato del potere economico e politico che narcotizza l’universo ricevente impedendo a larghe fasce di cittadini una lucida analisi degli avvenimenti (e della loro origine) che caratterizzano la  nostra società.

Comunichiamo

In un mondo sempre più veloce tutti noi siamo diventati sudditi dei media. La televisione ci porta in casa falsi modelli, prototipi del consumismo e dell’effimero; i giornali sono diventati delle vere e proprie bacheche in cui tutti hanno la possibilità di affiggere un manifesto. Siamo, purtroppo, al giornalismo gridato, al metodo della trascrizione; i new media e tutta la comunicazione legata alle tecnologie digitali non ci consente di decodificare un semplice messaggio che subito la nostra vita e invasa da mille altri. Dal disorientamento, come fantasmi, nella nostra mente si fanno largo gli eroi e i demoni, le paure e le convinzioni, le scelte e i comportamenti.

Mission

“Sociologiaonweb.it” intende frantumare questi schemi ponendosi come specchio di una società che non vuole subire, ma dialogare e, soprattutto, ragionare. Al “colto come all’inclita” vogliamo offrire una reale possibilità di confronto sereno e razionale su determinati temi che caratterizzano l’attuale società postmoderna, in cui gli interessi del capitale finanziario e delle banche prevalgono sui diritti dei cittadini.

Ultimi Articoli

IL FENOMENO DEL BODY SHAMING

di Francesca Santostefano In una cultura misogina e patriarcale la quale impone con veemenza canoni di bellezza e di perfezione corporea, molti sono denigrati per una qualche imperfezione del loro aspetto fisico, vittime di questo fenomeno che sta prendendo il sopravvento in primis le donne e le adolescenti costrette a subire discriminazioni da una società

Leggi Articolo

VIOLENZA DI GENERE “POST MORTEM”

Editoriale Durante il ritiro sociale della prima ondata di Covid -19 (marzo-giugno) la presenza del nemico in casa è stata talmente destabilizzante da frantumare la resilienza anche di quelle donne dotate di grande capacità di sopportare il peso dei maltrattamenti, delle botte e delle violenze psicologiche.   <<=== Antonio Latella Le statistiche del lockdown registrano

Leggi Articolo

”LA DONNA ARTEFICE DI UN NUOVO UMANESIMO”

di Nausica Sbarra* Il “ritiro” sociale imposto dall’attuale pandemia ha aumentato i rischi di violenza sulle donne. Violenze, in prevalenza psicologiche, registrate tra le mura domestiche, dove la donna ha scoperto quanto sia difficile convivere con il “nemico”. Non sono poche le madri, le mogli, le compagne che, nel periodo compreso tra marzo e giugno

Leggi Articolo

“La battaglia contro la violenza di genere deve essere condotta innanzitutto da noi uomini”

di Nicola Irto* ” La battaglia contro la violenza di genere deve essere condotta innanzitutto da noi uomini. Solo attraverso un impegno straordinario dell’universo maschile contro questo triste fenomeno riusciremo ad avere risultati concreti e duraturi. Ne sono convinto da tempo”. << ===Arch. Nicola Irto Negli ultimi anni, ho avuto l’opportunità di partecipare a numerose

Leggi Articolo

“Oggi più di ieri è in crisi il rapporto tra il paese e i decisori politici”

di Patrizio Paolinelli ” I conflitti sul lavoro in era Covid. L’assunzione dei rider come dipendenti. La riforma dello Statuto dei Lavoratori “.(Giorgio Benvenuto) <<== Prof. Patrizio Paolinelli In piena pandemia permangono i conflitti sul lavoro. Per esempio, di recente c’è stato lo sciopero nazionale degli addetti alle pulizie, da sette anni in attesa del

Leggi Articolo

Unindustria Calabria scrive al Presidente Mattarella: “La nostra regione diventi questione nazionale”

La drammatica questione calabrese, che nasce dalle inaccettabili vicende della sanità ma che rischia di avere gravissime ripercussioni socio-economiche in tutti i settori, è al centro della lettera che i vertici degli industriali della regione hanno già indirizzato al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. <<== Presidente Sergio Mattarella Nella missiva al Capo dello Stato, i

Leggi Articolo