Chi Siamo

Noi

Siamo un gruppo d’intellettuali (sociologi, giornalisti, psicologi, pedagogisti, economisti, ecc.) che attraverso il sito sociologiaonweb.it ci prefiggiamo di avviare un dibattito sui principali temi del momento. Quotidianamente siamo bombardati da milioni di messaggi che ci trasformano in soggetti passivi di un sistema di comunicazione monopolizzato del potere economico e politico che narcotizza l’universo ricevente impedendo a larghe fasce di cittadini una lucida analisi degli avvenimenti (e della loro origine) che caratterizzano la  nostra società.

Comunichiamo

In un mondo sempre più veloce tutti noi siamo diventati sudditi dei media. La televisione ci porta in casa falsi modelli, prototipi del consumismo e dell’effimero; i giornali sono diventati delle vere e proprie bacheche in cui tutti hanno la possibilità di affiggere un manifesto. Siamo, purtroppo, al giornalismo gridato, al metodo della trascrizione; i new media e tutta la comunicazione legata alle tecnologie digitali non ci consente di decodificare un semplice messaggio che subito la nostra vita e invasa da mille altri. Dal disorientamento, come fantasmi, nella nostra mente si fanno largo gli eroi e i demoni, le paure e le convinzioni, le scelte e i comportamenti.

Mission

“Sociologiaonweb.it” intende frantumare questi schemi ponendosi come specchio di una società che non vuole subire, ma dialogare e, soprattutto, ragionare. Al “colto come all’inclita” vogliamo offrire una reale possibilità di confronto sereno e razionale su determinati temi che caratterizzano l’attuale società postmoderna, in cui gli interessi del capitale finanziario e delle banche prevalgono sui diritti dei cittadini.

Ultimi Articoli

MENTRE POLITICA E CITTADINO AUMENTANO LE DISTANZE E’ IL TEMPO DELLA RETROTOPIA

La scarsa partecipazione dell’elettorato alla consultazione per il rinnovo dell’Assemblea Regionale Siciliana avrebbe dovuto far riflettere il mondo della politica (dai partiti ai movimenti), invece, ancora una volta, sul fenomeno è calato il silenzio come se l’astensionismo fosse davvero riconducibile alla sola isola maggiore, dunque ad un semplice test elettorale locale. Se dovesse prevalere ancora

Leggi Articolo

L’amore pestato: violenza di genere che fa paura

  Uomini che ammazzano le donne. Il femminicidio fa paura. Lo stesso termine fa paura, perché parla di omicidi legati all’identità di genere. In Italia, ogni 48 ore, una donna viene uccisa da un marito, un padre, da un convivente o dall’ex. Il male si annida proprio in famiglia dove le vittime vengono prima sterminate

Leggi Articolo

ANCHE I SOCIOLOGI ASI A SUPPORTO DEL PROGETTO SCREENING DAYS

  La governance del progetto ha incontrato gli studenti dell’Istituto Professionale di Stato per i Servizi Sociali  “da Vinci-Nitti” di Cosenza 250, tra studenti e corpo insegnante, gli intervenuti alla giornata di disseminazione e sensibilizzazione alla cultura della prevenzione sanitaria e donazione degli organi presentata, nell’ambito del progetto Screeninndays, all’interno dell’auditorium dell’Istituto professionale di Stato

Leggi Articolo

LA NAZIONALE DI CALCIO SPECCHIO DEL PAESE

“Il pessimismo della ragione e l’ottimismo della volontà”, oppure “l’ottimismo è il profumo della vita”: utilizzare questi due concetti per esorcizzare la paura dell’esclusione della nazionale di calcio dai prossimi mondiali di Russia potrà sembrare una profanazione della memoria di Antonio Gramsci e di Tonino Guerra. Assolutamente no!  La situazione degli azzurri di Giampiero Ventura

Leggi Articolo

Mediatore culturale si diventa “strada facendo”

Inizia un percorso formativo nell’ambito dell’Alternanza Scuola-Lavoro, che vede coinvolti in un percorso triennale ben 23 alunni della classe 3 D –indirizzo Servizio Socio Sanitari dell’istituto scolastico sito in viale Mancini, effetto della convenzione tra l’Istituto Superiore “Da Vinci Nitti”, l’Associazione Sociologi Italiani ( Asi) e la Croce Rossa Italiana ( Cri): un documento redatto nella

Leggi Articolo

Accoglienza a Riace: l’amarezza di Mimmo Lucano nel “caffè” di Massimo Gramellini

Pochi secondi dopo aver inforcato gli occhiali, l’orologio a pendolo di casa batte le sei. Inizia un’altra giornata. È ancora buio: le luci della dirimpettaia Sicilia fanno da cornice al mare dello Stretto agitato dal vento di Maestrale che, come un pittore, disegna sulle onde frotte di palombelle bianche che si rincorrono e un attimo

Leggi Articolo