Chi Siamo

Noi

Siamo un gruppo d’intellettuali (sociologi, giornalisti, psicologi, pedagogisti, economisti, ecc.) che attraverso il sito sociologiaonweb.it ci prefiggiamo di avviare un dibattito sui principali temi del momento. Quotidianamente siamo bombardati da milioni di messaggi che ci trasformano in soggetti passivi di un sistema di comunicazione monopolizzato del potere economico e politico che narcotizza l’universo ricevente impedendo a larghe fasce di cittadini una lucida analisi degli avvenimenti (e della loro origine) che caratterizzano la  nostra società.

Comunichiamo

In un mondo sempre più veloce tutti noi siamo diventati sudditi dei media. La televisione ci porta in casa falsi modelli, prototipi del consumismo e dell’effimero; i giornali sono diventati delle vere e proprie bacheche in cui tutti hanno la possibilità di affiggere un manifesto. Siamo, purtroppo, al giornalismo gridato, al metodo della trascrizione; i new media e tutta la comunicazione legata alle tecnologie digitali non ci consente di decodificare un semplice messaggio che subito la nostra vita e invasa da mille altri. Dal disorientamento, come fantasmi, nella nostra mente si fanno largo gli eroi e i demoni, le paure e le convinzioni, le scelte e i comportamenti.

Mission

“Sociologiaonweb.it” intende frantumare questi schemi ponendosi come specchio di una società che non vuole subire, ma dialogare e, soprattutto, ragionare. Al “colto come all’inclita” vogliamo offrire una reale possibilità di confronto sereno e razionale su determinati temi che caratterizzano l’attuale società postmoderna, in cui gli interessi del capitale finanziario e delle banche prevalgono sui diritti dei cittadini.

Ultimi Articoli

QUANDO L’ALTERNANZA SCUOLA LAVORO FUNZIONA

        Un progetto di service learning nato dalla collaborazione tra l’IPSSS di Cosenza, l’ASI e la Croce Rossa Italiana. Sui progetti di ASL (Alternanza scuola lavoro) c’è molto scetticismo, soprattutto quello di tanti ragazzi che vivono male la loro esperienza perché non si sentono soddisfatti e gratificati dai progetti loro proposti. In alcuni

Leggi Articolo

A Rende tutto pronto per il ReI

    Il sociologo Davide Franceschiello, socio fondatore e dirigente nazionale dell’ASI – Associazione Sociologi Italiani, coordina l’equipe multidisciplinare che ha il compito di predisporre il progetto per valutare i bisogni dei nuclei familiari per l’assegnazione del Reddito di inclusione nell’ambito territoriale di Rende Con i primi giorni del 2018 è stata avviata la macchina amministrativa

Leggi Articolo

CALABRIA, UNA ZES PER OGNI CAMPANILE

  “Al di là dei metodi e dei toni della discussione sulla zona franca speciale, agli attori che prendono parte a questo dibattito viene chiesto di tenere conto delle caratteristiche geografiche dei luoghi dove si auspica la nascita di una nuova Zes. Altrimenti ritorniamo ai vecchi campanilismi che tanto male hanno fatto alla Calabria, regione

Leggi Articolo

IL VALORE DELLA DONAZIONE DEL SANGUE E DEGLI ORGANI

Prevenzione oncologica e donazione degli organi, se n’è parlato nel Liceo classico di S.Marco Argentano con il contributo di medici, sociologi ed avvocati. La manifestazione organizzata dalla Nuova Croce Azzurra, ASI, LILT, ATC, ASIT nell’ambito del progetto Screening Days sostenuto da Fondazione CON IL SUD. “Prevenzione oncologica e donazione degli organi, attualità e prospettive future”:

Leggi Articolo

SCHIAVIZZATA DAL COMPAGNO E “VITTIMA” DELLA SOCIETA’ DELL’INDIFFERENZA

La riduzione in schiavitù della donna di Gizzeria e dei suoi due bambini sembra abbia paralizzato i grafomani della politica, bloccato il dinamismo della società civile, dell’associazionismo e di quanti fanno parte della galassia della solidarietà pelosa per dimostrare di esistere. Nella società dell’indifferenza tutto, come nel caso in questione, non può ridursi alla lettura

Leggi Articolo

GIZZERIA, UNA VIOLENZA SCOPERTA PER CASO

                                    “La riduzione in schiavitù della donna di Gizzeria è un atto d’accusa nei confronti della società del silenzio che sa ma non parla, dei servizi sociali che non vigilano, dello Stato che limita il controllo del territorio solo ad alcuni fenomeni sociali”. Lo afferma l’Associazione Sociologi Italiani che, in una nota del

Leggi Articolo