Chi Siamo

Noi

Siamo un gruppo d’intellettuali (sociologi, giornalisti, psicologi, pedagogisti, economisti, ecc.) che attraverso il sito sociologiaonweb.it ci prefiggiamo di avviare un dibattito sui principali temi del momento. Quotidianamente siamo bombardati da milioni di messaggi che ci trasformano in soggetti passivi di un sistema di comunicazione monopolizzato del potere economico e politico che narcotizza l’universo ricevente impedendo a larghe fasce di cittadini una lucida analisi degli avvenimenti (e della loro origine) che caratterizzano la  nostra società.

Comunichiamo

In un mondo sempre più veloce tutti noi siamo diventati sudditi dei media. La televisione ci porta in casa falsi modelli, prototipi del consumismo e dell’effimero; i giornali sono diventati delle vere e proprie bacheche in cui tutti hanno la possibilità di affiggere un manifesto. Siamo, purtroppo, al giornalismo gridato, al metodo della trascrizione; i new media e tutta la comunicazione legata alle tecnologie digitali non ci consente di decodificare un semplice messaggio che subito la nostra vita e invasa da mille altri. Dal disorientamento, come fantasmi, nella nostra mente si fanno largo gli eroi e i demoni, le paure e le convinzioni, le scelte e i comportamenti.

Mission

“Sociologiaonweb.it” intende frantumare questi schemi ponendosi come specchio di una società che non vuole subire, ma dialogare e, soprattutto, ragionare. Al “colto come all’inclita” vogliamo offrire una reale possibilità di confronto sereno e razionale su determinati temi che caratterizzano l’attuale società postmoderna, in cui gli interessi del capitale finanziario e delle banche prevalgono sui diritti dei cittadini.

Ultimi Articoli

Classe di concorso A-46 ‘Scienze giuridico-economiche’: richiesta di accesso per i laureati in Sociologia  

    In riferimento al decreto ministeriale n. 259 del 9 maggio 2017, concernente la revisione e l’aggiornamento delle tipologie delle classi di concorso per l’accesso ai ruoli del personale docente della scuola secondaria di primo e secondo grado previste dal DPR n. 19/2016, l’ASI – Associazione Sociologi Italiani invita chi di dovere ad aggiornare

Leggi Articolo

Classe di concorso A-46 ‘Scienze giuridico-economiche’: richiesta di accesso per i laureati in Sociologia

In riferimento al decreto ministeriale n. 259 del 9 maggio 2017, concernente la revisione e l’aggiornamento delle tipologie delle classi di concorso per l’accesso ai ruoli del personale docente della scuola secondaria di primo e secondo grado previste dal DPR n. 19/2016, l’ASI – Associazione Sociologi Italiani invita chi di dovere ad aggiornare e dunque

Leggi Articolo

“SUDCOSCIENTE” L.N.S. – ASI, LUOGO DI ELABORAZIONE DI ESPERIENZE E RICERCA SOCIALE

 Il Laboratorio di Sociologia del territorio “SudCosciente” LNS.ASI è aperto da giungo 2018 presso la sede della Fondazione Studi dedicata a Francesco De Martino. L’opportunità è nata attraverso l’Associazione Sociologi Italiani (ASI) con la guida spronante del presidente Antonio Latella, allacciata in lunghi confronti telefonici tra il mare di Reggio Calabria e quello di Napoli.

Leggi Articolo

AMORE MALATO, QUANDO LA GELOSIA DIVENTA UN VERO E PROPRIO INCUBO

Appare, profondamente discrasico parlare di amore malato ma, purtroppo è un problema di coppia molto frequente, molto più di quanto si possa pensare. Da un punto di vista scientifico, quando si può definire la gelosia patologica? Bene, la gelosia malata può essere incardinata in 3 grandi categorie, in relazione a caratteristiche precise, formali e soprattutto

Leggi Articolo

GIORNO DELLA MEMORIA, RIFLETTIAMO SUI   NAZIONALISMI: VERI INCUBATORI D’ODIO

  “Meditate che questo è stato”: si legge in una poesia Primo Levi, il quale auspica che ciò che è stato non si ripeta e perché l’impossibilità della rassegnazione agli orrori del nazifascismo rimanga custodita nel tempo di chi sopravvive.Una testimonianza, quella che lo scrittore piemontese di origini ebraiche, sopravvissuto alla deportazione ad Auschwitz (morto

Leggi Articolo

LIBERI DI SCEGLIERE

  Apprezzamenti per la scelta della RAI di realizzare un film sul protocollo Di Bella che consente ai figli delle famiglie di ndrangheta di avere concrete quanto inedite  opportunità per cambiare vita La programmazione di RAI Uno ha proposto agli italiani la visione del film “Liberi di scegliere”, un bel documentario sulla malavita, tratto da

Leggi Articolo