Chi Siamo

Noi

Siamo un gruppo d’intellettuali (sociologi, giornalisti, psicologi, pedagogisti, economisti, ecc.) che attraverso il sito sociologiaonweb.it ci prefiggiamo di avviare un dibattito sui principali temi del momento. Quotidianamente siamo bombardati da milioni di messaggi che ci trasformano in soggetti passivi di un sistema di comunicazione monopolizzato del potere economico e politico che narcotizza l’universo ricevente impedendo a larghe fasce di cittadini una lucida analisi degli avvenimenti (e della loro origine) che caratterizzano la  nostra società.

Comunichiamo

In un mondo sempre più veloce tutti noi siamo diventati sudditi dei media. La televisione ci porta in casa falsi modelli, prototipi del consumismo e dell’effimero; i giornali sono diventati delle vere e proprie bacheche in cui tutti hanno la possibilità di affiggere un manifesto. Siamo, purtroppo, al giornalismo gridato, al metodo della trascrizione; i new media e tutta la comunicazione legata alle tecnologie digitali non ci consente di decodificare un semplice messaggio che subito la nostra vita e invasa da mille altri. Dal disorientamento, come fantasmi, nella nostra mente si fanno largo gli eroi e i demoni, le paure e le convinzioni, le scelte e i comportamenti.

Mission

“Sociologiaonweb.it” intende frantumare questi schemi ponendosi come specchio di una società che non vuole subire, ma dialogare e, soprattutto, ragionare. Al “colto come all’inclita” vogliamo offrire una reale possibilità di confronto sereno e razionale su determinati temi che caratterizzano l’attuale società postmoderna, in cui gli interessi del capitale finanziario e delle banche prevalgono sui diritti dei cittadini.

Ultimi Articoli

Mass media, quando la fiducia lascia il posto alla coscienza

  Le attuali possibilità comunicative a nostra disposizione sono suscettibili di un’impetuosa e imprevedibile evoluzione, caratteristica che costituisce la loro essenza, la loro cifra tecnico-strutturale: ad una improvvisa imposizione nello scenario comunicativo corrisponde un’obsolescenza altrettanto rapida, secondo dinamiche che seguono percorsi diversi e che riducono progressivamente il lasso di tempo che intercorre tra le due

Leggi Articolo

Il disprezzo: riflessioni sul significato antropologico e sociologico di questa emozione complessa

Le emozioni rendono più efficace ed immediata la reazione dell’individuo in situazioni per cui è conveniente e desiderabile avere una risposta pronta, adatta ai fini della sopravvivenza. La reazione immediata e pronta non utilizza processi cognitivi ed elaborazione cosciente, ma avviene in modo automatico, direi d’istinto. Dal punto di vista sociologico la funzione delle emozioni

Leggi Articolo

Antropologia alimentare nelle regole francescane

Si può serenamente asserire che nei dibattiti storici e sociologici da alcuni anni a questa parte il Francescanesimo è tornato in auge, ciò lo si deve ad una sua rappresentazione popolare e da un lato anche ad una sua interpretazione e da come i vari ordini francescani si avvicinino al popolo, spesso anche alla parte

Leggi Articolo

MIGRAZIONI ED ESCLUSIONE SOCIALE: CORSI E RICORSI STORICI

Nell’epoca della globalizzazione attraverso tentativi di omologazione socioculturale, l’immigrazione è ancora un fenomeno imprevedibile, complesso, in grado di mutare la morfologia dell’esistenza antropica sul nostro pianeta. Essa rappresenta un processo attraverso cui una massa di individui è costretta ad abbandonare il territorio di appartenenza divenuto invivibile a causa di criticità quali persecuzioni politiche, religiose, o

Leggi Articolo

QUANDO IL GIOCO DIVENTA UNA TRISTE REALTA’

E’ di pochi giorni fa la terribile notizia, diffusa dai media nazionali, secondo cui un gruppo di adolescenti e alcuni adulti sono finiti in carcere per aver traslato nella realtà un gioco virtuale.Sempre più spesso giovani e meno giovani appaiono completamente avulsi dalla realtà: ciò che provano durante i giochi, da cui ormai sono totalmente

Leggi Articolo

MEDIA, COMUNICAZIONE E IMMIGRAZIONE

Nell’universo semantico giornalistico-televisivo in realtà non sono solo i titoli a sottendere un velato razzismo, ma gli stessi termini che vengono utilizzati dai mass media per indicare i migranti: pensiamo ad “extracomunitario”, utilizzato quasi esclusivamente per indicare gli stranieri provenienti da paesi poveri, e spesso con accezione negativa, “clandestino”, “fondamentalista”, quest’ultimo quasi sempre integralista e

Leggi Articolo