Chi Siamo

Noi

Siamo un gruppo d’intellettuali (sociologi, giornalisti, psicologi, pedagogisti, economisti, ecc.) che attraverso il sito sociologiaonweb.it ci prefiggiamo di avviare un dibattito sui principali temi del momento. Quotidianamente siamo bombardati da milioni di messaggi che ci trasformano in soggetti passivi di un sistema di comunicazione monopolizzato del potere economico e politico che narcotizza l’universo ricevente impedendo a larghe fasce di cittadini una lucida analisi degli avvenimenti (e della loro origine) che caratterizzano la  nostra società.

Comunichiamo

In un mondo sempre più veloce tutti noi siamo diventati sudditi dei media. La televisione ci porta in casa falsi modelli, prototipi del consumismo e dell’effimero; i giornali sono diventati delle vere e proprie bacheche in cui tutti hanno la possibilità di affiggere un manifesto. Siamo, purtroppo, al giornalismo gridato, al metodo della trascrizione; i new media e tutta la comunicazione legata alle tecnologie digitali non ci consente di decodificare un semplice messaggio che subito la nostra vita e invasa da mille altri. Dal disorientamento, come fantasmi, nella nostra mente si fanno largo gli eroi e i demoni, le paure e le convinzioni, le scelte e i comportamenti.

Mission

“Sociologiaonweb.it” intende frantumare questi schemi ponendosi come specchio di una società che non vuole subire, ma dialogare e, soprattutto, ragionare. Al “colto come all’inclita” vogliamo offrire una reale possibilità di confronto sereno e razionale su determinati temi che caratterizzano l’attuale società postmoderna, in cui gli interessi del capitale finanziario e delle banche prevalgono sui diritti dei cittadini.

Ultimi Articoli

INTERCULTURA: Flessibilità come luogo cognitivo del potere

  di Antonino Calabrese Sommario La multiforme condizione di erranza necessita di nuove soglie interpretative poiché comporta nuove comunicazioni qualitativamente e quantitativamente più intense. Il relativismo culturale ha decostruito ogni certezza e pertanto diventa difficile costruire nuovi schemi alternativi, ove l’identità diviene necessariamente e coattamente flessibile. Le dinamiche di trans-figurazione non sono però neutrali, in

Leggi Articolo

Croce ed Einaudi: Essere liberali senza essere liberisti

di Antonino Calabrese   Sommario La crisi liberale spinge a ripensare il sistema socio-politico attuale, al fine di cogliere gli aspetti più problematici e fornire possibili soluzioni. Sganciare il liberismo dal liberalismo rappresenta una mediazione attuabile per poter anteporre dei limiti ai deficit sistemici di tipo economico e rimettere al centro della politica la persona,

Leggi Articolo

SALVINI, SAN LUCA, LA TRAGEDIA DI GENOVA E LE STRADE ASPROMONTANE

  “Non è bella la vita dei pastori in Aspromonte, d’inverno, quando i torbidi torrenti corrono al mare, e la terra sembra navigare sulle acque…”. Neanche oggi è bella, non quella dei pastori, rimasti in pochi, ma complessivamente la qualità della vita dei cittadini.In questo tratto di Calabria l’inverno non ha mai ceduto il passo

Leggi Articolo

EMERGENZA RIFIUTI, QUANDO UNA COMUNITA’ RITORNA AL TEMPO DELL’ANARCHIA

  I giornali locali continuano, giustamente, a fotografare la realtà cittadina sulla questione rifiuti che è diventata un brutto biglietto da visita di un territorio che dello  sviluppo turistico ha fatto una delle sue più grandi utopie.  Il problema impone un’analisi, impietosa quanto indispensabile per pensare seriamente al futuro, sull’attuale momento che vive la più grande

Leggi Articolo

BIANCHI O DI COLORE, GLI IMMIGRATI SONO UOMINI E NON BESTIE

Non è bella, anzi è dura, la vita dei ministri del Governo giallo -verde, soprattutto quando, prima di parlare, sono costretti a consultare il contratto firmato da Matteo Salvini e Luigi Di Maio, tutor del primo governo di questa XVIII legislatura. Nulla di personale nei confronti del leader di M5S e del capo della Lega

Leggi Articolo

L’INTERDIZIONE ANCHE DURANTE I MOMENTI DI RELIGIOSITA’ POPOLARE

Questa volta non si è trattato del “solito inchino” della statua del santo protettore di uno dei tanti paesini della Calabria nei confronti dell’abitazione di un boss, ammalato o ospite delle patrie galere, oppure di un suo congiunto. No, domenica scorsa a Zungri, nel vibonese, un uomo (come dicono) con la fedina penale macchiata, alla

Leggi Articolo
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com