L.N.S. – LABORATORIO NAZIONALE DI SOCIOLOGIA
L’Associazione Sociologi Italiani (ASI), CF 9209670803 (Registro Ufficio delle Entrate di RC n. 751, Serie III), ha al suo interno un laboratorio sociologico denominato LABORATORIO NAZIONALE DI SOCIOLOGIA (L.N.S.) che, in particolare, si propone :
a) la formazione e l’aggiornamento dei suoi iscritti che operano in ambito scientifico, professionale, culturale, nella ricerca e nell’insegnamento;
b) di attuare iniziative per la diffusione della cultura sociologica e in tale ottica promuovere scambi culturali e scientifici con le Università Italiane e straniere, con le istituzioni nazionali e internazionali, con il mondo dell’associazionismo e diventare punto di riferimento per gli studenti universitari in sociologia e delle facoltà di scienze sociali;
c) di istituire sedi o distaccamenti territoriali in grado di promuovere l’attività associativa e il raggiungimento degli obiettivi statutari;
d) di valorizzare e sviluppare la professione del sociologo e dei soci iscritti all’ASI con programmi di formazione professionale, seminari, conferenze formative – informative, convegni, mostre, esposizioni, cineforum, spettacoli, manifestazioni di valenza socio-culturale ed economica, ricerche e programmi nel settore turistico, enogastronomico, marketing territoriale, sviluppo ecosostenibile, ambientale, culturale e di vario genere, purché tutto sia finalizzato alla promozione umana e allo sviluppo di comunità e territori;
e) di operare nel settore dell’assistenza sociale, con il sostegno alle persone svantaggiate, emarginate o in difficoltà, soggetti deboli (agli anziani, alle famiglie indigenti e povere). Programmare, in collaborazione con enti e istituzioni locali, aziende sanitarie e ospedaliere, scuole, associazionismo, mondo dello sport iniziative di prevenzione e contrasto delle dipendenze (tossicodipendenze, new addiction, organizzare campagne su tematiche riconducibili alla ludopatia, al cyberbullismo, al sexting, sextorsion, agli effetti dei new media sulle varie fasce d’età, bambini e anziani in particolare);
f) di partecipare a bandi europei, nazionali e regionali sui tematiche inerenti, tra le altre, la condizione umana: immigrati, bambini e adolescenti, violenza sulle donne, effetti sociali della criminalità organizzata, anziani, ambiente, spopolamento delle comunità rurali, disoccupazione, progetti sull’educazione allo sviluppo e alla legalità e nell’ambito degli interventi del Terzo settore;
g) di promuovere ricerche demoscopiche, ricerche statistiche tese a conoscere opinioni, atteggiamenti e caratteristiche di contesto socio-territoriale, di una determinata popolazione o di un segmento di essa; indagini di mercato, di natura politica e partitica, di gradimento dell’attività di governo a vari livelli, ricerche sulla percezione dei cittadini rispetto all’attività di enti, istituzioni, leader; fotografare le varie situazioni di mercato e i gusti dei consumatori nell’ottica aziendale dell’aumento delle vendite di prodotti;
h) di avviare studi e ricerche riconducibili alla promozione, valorizzazione e la difesa del patrimonio storico – culturale e delle tradizioni (laiche e religiose);
i) di dotarsi di propri strumenti di comunicazione e informazione anche attraverso l’uso delle moderne tecnologie (ICT) per veicolare l’attività dell’associazione e per inserirsi nel dibattito su temi di valenza socio – culturale ed economica;
j) di avviare processi di cooperazione culturale e professionale con i paesi che si affacciano sul Mediterraneo;
k) di dare vita ad attività di formazione professionale e stage, anche FAD e di formazione permanente dei propri iscritti;
l) di organizzare con cadenza annuale un premio per la migliore tesi di laurea magistrale in Sociologia concernente il tema legato alla “Questione Meridionale”, conseguita da studenti di età non superiore ai 30 anni in una delle Università italiane. Il premio è parte integrante dell’attività sociale dell’ASI;
m) di istituire uno sportello di riferimento per i cittadini.


Lascia un commento

Anti - Spam *

Cerca

Archivio